Un'insolita guida alle case del peccato

Clicca sulla foto per ingrandire Clicca sulla foto per ingrandire

Dai primi anni del secolo decimo-sesto l'amor libero ha avuto in Napoli una topografia stabile. La stanza del meretricio non è più mutata a Napoli da quei tempi antichi» (Salvatore Di Giacomo, 1968). E sulle tracce del peccato, ridisegnando la mappatura dei luoghi dove si svolgeva il mestiere più antico del mondo, si è messa l'associazione Insolitaguida che questa mattina, dalle 11, ripropone la passeggiata "Il peccato: quando le case erano chiuse" (quota di partecipazione 6 euro). La Duchesca.il borgo Sant'Antonio Abate, l'antica Rua Catalana, i Quartieri spagnoli e la zone di Chiaia dove c'erano le case chiuse più eleganti, sono alcune tappe del percorso. Fiore all'occhiello della passeggiata è " La Suprema", in via Sant'Anna di Palazzo, la più rinomata casa di tolleranza della città, che oggi occupa un' ala del Chiaia Ho tei De Charme, a cui si accede da via Chiaia. L'ingresso è inalterato così come alcuni elementi d'arredo ritrovati all'interno dell'edificio: le insegne con il tariffario, l'angolo della toilette con il bidet e una specchiera con il catino dell'epoca. Rimasto intatto anche il balconcino da cui si affacciavano le prostitute: gli uomini sceglievano le donne ammirandole dal basso e, attraverso una scala "segreta", ancora oggi praticabile, accedevano direttamente alla stanza della prescelta. La passeggiata si arricchisce di aneddoti, storie e testimonianze anche da parte dei visitatori che ripercorrono un'epoca in cui la prostituzione non veniva percepita come qualcosa di "sporco" o come mera mercificazione del corpo femminile. Unariccatestimonianzadellavitaall'interno delle case chiuse ci viene inoltre da una lettera di Luciano De Crescenzo che, per pagarsi gli studi universitari, lavorava presso una casa di tolleranza, la "Pensione Gianna" in via Sedile di Porto, e che verrà letta al termine della passeggiata. De Crescenzo scrive che, lavorando di giorno come addetto ai conti, si rammaricava di non riuscire mai a vedere «le signorine prostitute» e, si dilunga in racconti dettagliati circa la pratica della marchetta, il tariffario che partiva da 200 lire e che prevedeva lo sconto del 50 per cento per i militari.

Informazioni aggiuntive

  • Testata: La Repubblica
  • Edizione del: 10/10/2010
  • Edizione del: Domenica, 10 Ottobre 2010

Contattaci

Insolitaguida Napoli

Piazza Monteoliveto, 13 - Napoli

Mar - Sab: 9:00 - 13:00 e 15:00 -18:00
Domenica 9:00 - 13:00 - Lunedì chiusi

 081 192 569 64

(+39) 338 965 22 88

Iscriviti alla Newsletter

  • indice_museo-capodimonte.jpg
  • indice_palazzo_reale.jpg
  • indice_pompei.jpg
  • indice_reggia_caserta.jpg

Guide per Musei e siti Archeologici in Campania

Offriamo anche un servizio di guida turistica sia in italiano che in lingua in tutti i siti della Campania come Scavi di Pompei, Museo di Capodimonte, Palazzo Reale di Napoli, Reggia di Caserta

Regala una gift-card di Insolitaguida

A Natale o per altra occasione fai un regalo "insolito":
Ha un costo piccolo piccolo ma regala 2 ore di segreti, misteri, leggende

gift card Insolitaguida

Passeggiate Narrate per gruppi

E' sempre possibile concordare un appuntamento privato di una passeggiata narrata scegliendo data e ora.
Contattaci al 338 965 22 88 per conoscere il contributo di partecipazione.

 Offriamo anche un servizio di guida tradizionale ( italiano, inglese, francesce, spagnolo, tedesco) sia a Napoli che nei principali siti archeologici della Campania ( ad esempio Pompei, Reggia di Caserta, Ercolano, etc) . Per le tariffe contattaci
Insolitaguida e passeggiate Narrate sono marchi registrati. © Copyright 2008-2017 - Tutti i diritti riservati.
Tutti i nostri servizi sono riservati ai soci. E' possibile associarsi in fase di prenotazione.
Info Privacy | Cookie Policy | Disclaimer foto e video

Prenota ora